CITTADINANZA IURE SANGUINIS: DOCUMENTI E COME PRESENTARLI!

Utile vademecum per non sbagliare tempi e modi di presentazione della domanda di cittadinanza per discendenza

Modalità di richiesta: La richiesta va inoltrata al comune di residenza del richiedente (se residente in Italia) o al consolato di competenza se residente all’estero. 

Requisiti.

L’art. 1 della legge 91/1992 prevede che:  è cittadino per nascita:

  1. a) il figlio di padre o di madre cittadini;
  2. b) chi è nato nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi, ovvero se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono.
  3. è considerato cittadino per nascita il figlio di ignoti trovato nel territorio della Repubblica, se non venga provato il possesso di altra cittadinanza.

Documenti richiesti.

  1. estratto dell’atto di nascita dell’avo italiano emigrato all’estero rilasciato dal comune italiano ove egli nacque;
  2. atti di nascita, muniti di traduzione ufficiale italiana, di tutti i suoi discendenti in linea retta, compreso quello della persona che chiede il riconoscimento della cittadinanza italiana;
  3. atto di matrimonio dell’avo italiano emigrato all’estero, munito di traduzione ufficiale italiana se formato all’estero;
  4. atti di matrimonio dei suoi discendenti, in linea retta, compreso quello dei genitori della persona che chiede il riconoscimento della cittadinanza italiana;
  5. certificato rilasciato dalle competenti Autorità dello Stato Estero di emigrazione, munito di traduzione ufficiale in lingua italiana, attestante che l’avo italiano a suo tempo emigrato dall’Italia non acquistò la cittadinanza dello Stato estero di emigrazione anteriormente alla nascita dell’ascendente dell’interessato.

Tutti i documenti ( ad eccezione del numero1) andranno tradotti e legalizzati ovvero dovranno essere muniti di apostille.

E’ essenziale che l’intera catena di discendenza sia stata ininterrotta, fino a giungere al richiedente; ciò significa che l’avo di riferimento ( o altri soggetti che avrebbero potuto trasmettere la cittadinanza ) non deve aver proceduto alla naturalizzazione nel paese di residenza. Il certificato di non naturalizzazione viene fornito ai comuni direttamente dalle autorità consiliari italiane.

Costi: 16 € marca da bollo.

Il costo può variare dal numero di documenti da tradurre.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

× Come possiamo aiutarti?